Alimentazione in allattamento

L’allattamento rappresenta per la madre un momento ancora più delicato da un punto di vista di fabbisogno energetico. Infatti, le richieste sono raddoppiate rispetto alla gravidanza e se la madre non adotta un giusto comportamento alimentare, assumendo i liquidi necessari, i nutrienti e l’energia di cui hai bisogno, impoverirà le sue riserve senza poterle ricostituire a discapito suo e del bambino.

La produzione di latte rappresenta, per la madre, uno sforzo energetico addirittura maggiore rispetto a quello della gravidanza. Per far fronte a questo sforzo è importante non attingere alle proprie riserve ma continuare a seguire buone norme alimentari. E se i chili di troppo accumulati durante la gravidanza non vanno via, non c’è niente di cui preoccuparsi: sarà sufficiente programmare un’idonea dieta dimagrante, ma, ( ricordate!!) solo dopo aver terminato l’allattamento.

La dieta nell’allattamento è molto particolare e deve essere ben studiata. Infatti, ogni mese d’allattamento ha il suo preciso schema alimentare, in quanto il supplemento energetico varia di mese in mese. Inoltre, bisogna eliminare molti alimenti e fare attenzione ad altri, in quanto dando cattivo sapore al latte, causano il distacco del neonato dal seno. Questo fenomeno deve avvenire il più tardi possibile: non c’è alimento più completo e sano del latte materno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *