Alimentazione nell’età adulta

Nell’età adulta l’organismo raggiunge una fase di equilibrio caratterizzata dal completamento di tutte le strutture corporee e dall’arresto della crescita staturale. Ed è, quindi, importante che un giusto equilibrio vi sia anche tra “entrate” ed “uscite”. Infatti, nel caso di un apporto energetico superiore a quello necessario al dispendio, si ha un aumento del tessuto adiposo depositato (cioè si ingrassa). Cosi, pure, un apporto di proteine eccessivo può portare a disturbi renali, mentre un eccessivo apporto di grassi può predisporre  a malattie, soprattutto di tipo cardiovascolare.

L’alimentazione dell’adulto deve, quindi, complessivamente, rispettare un buon bilanciamento fra carboidrati, proteine e grassi. L’alimentazione femminile deve essere in parte differente da quella maschile, acusa del ppiù basso peso corporeo e della minore massa muscolare: una donna, cioè, ha bisogno di un minor apporto calorico.

Al giorno d’oggi si ritiene del tutto fisiologico che il corpo aumenti di peso con il passare degli anni: non deve, quindi, preoccupare un aumento di 3-4 kg, e non va contrastato con diete eccessivamente restrittive e prolungate nel tempo! Per mantenersi in forma è sufficiente una dieta diversificata, sana ed equilibrata, affiancata ad una costante attività fisica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *